headerhome

bodyhome

NICOLA MONTI

Contrabbasso

 

ALESSIO MENEGOLLI

Contrabbasso

 

FRANCESCO REPICI

Fisarmonica

 

RUBEN PELONI

Voce

 

MARIA CLARA MAITZEGUI

Voce

 

ANDREA FAVARI

Attore

 

PIETRO&LIDIA

Ballerini

 

 

 

 

 

COMPONENTI STABILI
VOCI MIGRANTI - Mario Battistella il poeta del tango

LEONARDO BELLESINI

Violino

 

ARTISTI COLLABORATORI

LUCA BERNABENI

Clarinetto

 

FRANCESCO GELATI

Chitarra

 

LIVIANA LOATELLI

Pianoforte

Liviana Loatelli, Voci Migranti. Mario Battistella – il poeta del tango, ed. Stimmgraf, VR, 2014

Una vita, una storia di incontri di voci, di volti, di parole, di poesia, di musica.


Sullo sfondo, il fenomeno che poco più di cento anni fa ha interessato milioni di italiani, la Grande Migrazione rivolta verso le Americhe, in particolare l’America Latina, a cavallo tra ‘800 e ‘900: uno spaccato di storia recente che ci annovera come popolo tra le schiere di migranti, tra coloro che hanno cercato fortuna in un altro Paese, schiacciati dalla fame e dalla miseria.


Il protagonista, Mario Battistella, poeta, paroliere e compositore di tango argentino, nato a Monteforte d’Alpone, un piccolo paese in provincia di Verona, nel 1893 ed emigrato a Buenos Aires, all’inizio del Novecento, ancora giovanissimo. La sua vita e la sua esperienza artistica sono una grandiosa testimonianza di una persona che, nonostante la povertà e le immani difficoltà che l’abbandono della propria terra comporti, è riuscita ad inserirsi a pieno titolo nella nuova vita oltreoceano, lavorando a fianco dei personaggi artistici più in voga nel periodo d’oro del tango argentino. Basti citare un nome solo, l’icona del tango, Carlos Gardel.


Il libro è diviso in due parti: la prima riguarda la migrazione italiana con alcune testimonianze di chi l’ha vissuta in prima persona. Lungi da essere una esaustiva trattazione storica, vuole essere il punto di partenza per poter meglio inquadrare la figura e la produzione di Battistella alle quali sono dedicate le altre pagine, nella sezione più cospicua, la seconda parte.


La ricerca di notizie su di lui è partita dalla sua terra nativa, Monteforte d’Alpone, in cui rimangono gli atti di nascita e di battesimo e poche altre testimonianze riguardo la sua famiglia e la sua migrazione. Altro approfondito materiale è fornito dalle sue biografie presenti nei numerosissimi siti di tango. Oltre alle ricerche biografiche, si è voluto far parlare la sua arte, i suoi versi, le sue liriche.
Protagonisti sono 14 tra i suoi testi più riusciti e più significativi, dei quali vengono riportati il testo in lingua originale e la traduzione. Attraverso la loro lettura si è cercato di far emergere il mondo che si cela dietro chi li ha composti, il contesto artistico nel quale egli è vissuto, le inquietudini, le aspettative, le illusioni, le sofferenze che ha visto nella gente porteña, di Buenos Aires. I suoi versi dipingono un mondo fatto di immagini vive, sentimenti, persone, ideali visti dalla sua personale prospettiva, che è quella di un uomo che ha avuto alle spalle una vita sicuramente non facile, ma che ha saputo guardare ad essa con coraggio, garbo ed eleganza. Emergono da essi i contorni di un fine uomo di cultura, dotato di una profonda sensibilità e di una eccezionale versatilità.


Allegato al libro si trova il cd contenente alcuni dei brani presi in considerazione, realizzato dall’ensemble di tango “Alma Migrante”, di cui chi scrive fa parte, in qualità di pianista. È stato grazie al lungo lavoro di ricerca artistica speso in questi anni da parte dell’ensemble che questo libro ha visto la luce.


Per concludere, questo lavoro, oltre a rendere omaggio a un artista ingiustamente poco conosciuto nel suo Paese natale, vuole essere anche lo spunto per leggere molti tragici fatti di cronaca attuale secondo un’ottica capovolta, per cui considerarci prima di tutto Italiani, come popolo di migranti. Inoltre, grazie alla figura di Battistella, pensare che un’integrazione tra realtà, mondi, culture diverse è possibile e, quando avviene, può essere fonte di una delle espressioni più alte che l’uomo possa raggiungere: l’arte, la musica.